Via Santo Stefano 11, 40125 Bologna (BO) 051 9911011
info@studiofarina.it Lun. - Ven. 08:30 - 12:30 / 14:00 - 18:00

Fine del QUIR.

Premessa Normativa.

La legge di Bilancio 2015 aveva previsto, in via sperimentale, il TFR in busta paga. Vi potevano accedere i lavoratori del settore privato, ad eccezione dei lavoratori domestici e di quelli agricoli, che avessero avuto un rapporto in essere da almeno 6 mesi presso la stessa azienda. La misura si annoverava tra quelle (si ricordi il bonus Renzi) previste per rafforzare il potere d’acquisto dei lavoratori e prevedeva di poter beneficiare mensilmente della quota maturanda del TFR. I periodi di paga interessati erano quelli del triennio 2015 – 2018, ma la scelta del lavoratore poteva essere espressa anche dopo la data di decorrenza (1°marzo 2015) e restare irrevocabile fino alla data finale (30 giugno 2018).

Procedura.

La procedura di accesso alla liquidazione mensile del TFR prevedeva la presentazione al datore di lavoro di una istanza su modello ministeriale. La liquidazione avveniva a partire dal mese successivo a quello della presentazione della domanda. Per tale motivo, i lavoratori che abbiano presentato domanda in maggio scorso non vi possono più accedere. La sperimentazione, infatti, si concluderà il 30 giugno prossimo.

Fine del Quir.

Ci siamo, quindi. I lavoratori che avevano optato per la Quota Integrativa della Retribuzione, anzidetto Quir, da luglio non troveranno più detta voce in busta paga. Dai dati forniti dall’Inps il Quir non sembra aver avuto molto successo, sebbene non venisse computato come reddito complessivo ai fini del bonus da 80 euro. Sin da subito, gli specialisti avevano calcolato la perdita cui sarebbero andati incontro i lavoratori che avessero scelto questo tipo di liquidazione. Il TFR in busta paga, infatti, è stato tassato con aliquota Irpef ordinaria, meno favorevole rispetto alla tassazione separata su TFR pagato a fine rapporto. La fotografia che l’Inps ci ha fornito, ci fa vedere che i lavoratori che hanno chiesto il Quir sono stati più quelli dipendenti da piccole e medie imprese.

Tag: ,

Iscrizione alla newsletter

Iscriviti per non perdere le prossime novità

Letta l'Informativa sulla privacy

acconsento al trattamento dei miei dati personali da parte dello Studio Farina Redaelli per il servizio di “Newsletter” (cioè per essere aggiornato via posta elettronica sulle "novità" relative all'attività dello Studio Farina Redaelli).

Cliccando sul tasto “Iscriviti” dichiari di accettare i Termini di utilizzo e di avere almeno 18 anni.