Via Santo Stefano 11, 40125 Bologna (BO) 051 9911011
info@studiofarina.it Lun. - Ven. 08:30 - 12:30 / 14:00 - 18:00

Ripassiamo un po’. Il Lavoro Festivo.

Il lavoratore ha diritto ad astenersi dal lavoro in occasione dei giorni festivi per celebrare ricorrenze civili e religiose riconosciute dall’Ordinamento. A tale diritto è possibile rinunciare solo previo accordo con il datore di lavoro. Il datore di lavoro può chiedere al lavoratore la prestazione in un giorno festivo, ma questi può rifiutarsi. L’attività lavorativa durante una festività presuppone l’accordo delle parti, a meno che non vi siano necessità ed urgenze imprevedibili. In presenza di accordo individuale o collettivo l’eventuale rifiuto ad adempiere del dipendente determina l’adozione di sanzioni disciplinari. I lavoratori soggetti a turni di lavoro nei cicli continui o in altre attività di pubblico interesse sono tenuti contrattualmente a svolgere l’attività nel giorno previsto anche se coincidente con la festività.

Maggiorazione.

I lavoratori che prestano la propria attività durante una giornata festiva hanno diritto ad una maggiorazione del compenso, stabilita dal contratto collettivo applicabile. La maggiorazione varia a seconda che la paga sia fissa o a ore: nel primo caso spetta la retribuzione giornaliera maggiorata della percentuale prevista per lavoro festivo; nel secondo caso spettano le quote orarie relative alle ore di lavoro effettuato oltre alla maggiorazione prevista per lavoro festivo.

Domenica e sabato.

La festività lavorata coincidente con la domenica è retribuita con la maggiorazione anzidetta oltre ad un’ulteriore maggiorazione prevista dal contratto collettivo. Allo stesso modo il sabato lavorato (nel caso di settimana corta).

La retribuzione del lavoro festivo infrasettimanale incluso in turni regolari di lavoro, non potendosi considerare elemento erogato occasionalmente, è computabile nel TFR.

4 novembre.

Vi sono alcune ricorrenze non più considerate festive cui fa eccezione il 4 novembre. La sua celebrazione viene spostata alla prima domenica successiva e, quindi, considerata festività nazionale cadente di domenica.

I lavoratori intermittenti hanno diritto al riconoscimento della festività se questa ricade nella fase dell’attività lavorativa. Infine, i permessi ex lege 104 possono essere fruiti anche in corrispondenza di un turno di lavoro da effettuare in un giorno festivo.

Tag:

Iscrizione alla newsletter

Iscriviti per non perdere le prossime novità

Letta l'Informativa sulla privacy

acconsento al trattamento dei miei dati personali da parte dello Studio Farina Redaelli per il servizio di “Newsletter” (cioè per essere aggiornato via posta elettronica sulle "novità" relative all'attività dello Studio Farina Redaelli).

Cliccando sul tasto “Iscriviti” dichiari di accettare i Termini di utilizzo e di avere almeno 18 anni.