Via Santo Stefano 11, 40125 Bologna (BO) 051 9911011
TELEASSISTENZA info@studiofarina.it Lun. - Ven. 08:30 - 12:30 / 14:00 - 18:00

Assegno Unico Universale

Il 06/04/2021, anche se non ancora operativa, approda in Gazzetta Ufficiale la Legge Delega che istituisce l’assegno unico e universale per figli a carico fino a 21 anni. L’assegno consisterà in un contributo mensile, fruibile anche come credito d’imposta, e sarà modulato sulla base della condizione economica del nucleo familiare, ovvero dell’ISEE e tenuto conto dell’età dei figli.

L’assegno sarà destinato a tutte le famiglie, compresi i lavoratori autonomi (finora esclusi) per:

  • ciascun figlio minorenne a carico, a decorrere dal settimo mese di gravidanza;
  • figli successivi al secondo, all’importo dell’assegno viene applicata una maggiorazione;
  • ciascun figlio maggiorenne a carico, fino al compimento del ventunesimo anno di età̀;

È previsto inoltre il riconoscimento dell’assegno mensile:

  • di importo maggiorato a favore delle madri di età inferiore a 21 anni;
  • di importo maggiorato in misura non inferiore al 30% e non superiore al 50% per ciascun figlio con disabilità, con maggiorazione graduata secondo le classificazioni della condizione di disabilità;
  • senza maggiorazione, anche dopo il compimento del ventunesimo anno di età̀, qualora il figlio con disabilità risulti ancora a carico.

Per richiedere l’assegno occorre:

  • essere cittadino italiano o di uno Stato membro dell’Unione europea, o suo familiare, titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero essere cittadino di uno Stato non appartenente all’Unione europea in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o del permesso di soggiorno per motivi di lavoro o di ricerca di durata almeno annuale;
  • essere soggetto al pagamento dell’imposta sul reddito in Italia;
  • essere residente e domiciliato con i figli a carico in Italia per la durata del beneficio;
  • essere stato o essere residente in Italia per almeno due anni, anche non continuativi, ovvero essere titolare di un contratto di lavoro a tempo indeterminato o a tempo determinato di durata almeno biennale.

L’erogazione dell’assegno unico porterà al superamento delle attuali tutele predisposte per natalità, genitorialità e occupazione, incluso l’assegno per il nucleo familiare.

Il debutto per l’assegno unico è previsto per il prossimo mese di luglio e la sua attuazione presuppone l’emanazione di decreti ministeriali ad hoc.

Contratti

Iscrizione alla newsletter

Iscriviti per non perdere le prossime novità

Letta l'Informativa sulla privacy

acconsento al trattamento dei miei dati personali da parte dello Studio Farina Redaelli per il servizio di “Newsletter” (cioè per essere aggiornato via posta elettronica sulle "novità" relative all'attività dello Studio Farina Redaelli).

Cliccando sul tasto “Iscriviti” dichiari di accettare i Termini di utilizzo e di avere almeno 18 anni.