Via Santo Stefano 11, 40125 Bologna (BO) 051 9911011
info@studiofarina.it Lun. - Ven. 08:30 - 12:30 / 14:00 - 18:00

Papà in congedo, ma debbono stare coi figli.

La legge di stabilità 2018 ha confermato una novità introdotta in via sperimentale dalla legge Fornero: il congedo parentale per il padre lavoratore, obbligatorio e facoltativo. Quattro giorni per il primo, un giorno per il secondo. Possono beneficiarne i padri naturali, adottivi e affidatari entro cinque mesi dalla nascita o dall’ingresso del figlio in famiglia. La domanda va presentata solo al datore di lavoro con un preavviso di almeno quindici giorni rispetto alla data presunta dell’evento nascita, in caso di congedo obbligatorio. Se il congedo è facoltativo, invece, bisogna allegare alla domanda anche la dichiarazione della madre che rinuncia al corrispondente periodo. Il dipendente che fruisce dei suddetti Istituti deve occupare il tempo sottratto al lavoro prevalentemente per accudire il figlio. Di recente, infatti, una sentenza della Cassazione ha rigettato il ricorso di un lavoratore licenziato per aver utilizzato il permesso non interamente per il figlio, adducendo che, nello svolgere altre attività, aveva contribuito ad una migliore organizzazione della vita familiare. I Giudici ritengono tale motivazione uno sviamento dall’Istituto che è stato pensato per appagare bisogni affettivi e relazionali dei figli.

Tag: ,

Iscrizione alla newsletter

Iscriviti per non perdere le prossime novità

Letta l'Informativa sulla privacy

acconsento al trattamento dei miei dati personali da parte dello Studio Farina Redaelli per il servizio di “Newsletter” (cioè per essere aggiornato via posta elettronica sulle "novità" relative all'attività dello Studio Farina Redaelli).

Cliccando sul tasto “Iscriviti” dichiari di accettare i Termini di utilizzo e di avere almeno 18 anni.