Via Santo Stefano 11, 40125 Bologna (BO) 051 9911011
info@studiofarina.it Lun. - Ven. 08:30 - 12:30 / 14:00 - 18:00

Ripassiamo un po’. Ilcedolino.

Il cedolino è un documento che il datore di lavoro è obbligato a consegnare al dipendente all’atto della corresponsione della retribuzione, sebbene non abbia carattere di quietanza. Deve contenere dati anagrafici e qualifica professionale del lavoratore, periodo della retribuzione, assegni familiari e tutti gli elementi che compongono la retribuzione nonché le trattenute. La consegna del prospetto paga può avvenire oltre che brevi manu anche in via telematica (piattaforme o posta elettronica non certificata) e attraverso soggetti abilitati (Consulenti del lavoro e altri), ma la responsabilità per mancata ricezione resta in capo al datore di lavoro. La mancata o ritardata consegna, come le inesattezze od omissioni, prevedono delle sanzioni. L’obbligo di consegna può essere assolto anche attraverso la consegna del LUL nella parte relativa alla valorizzazione retributiva, previdenziale e fiscale della prestazione lavorativa. Nel caso il datore di lavoro si avvalga di questa possibilità, lo stesso potrà essere sanzionato solo per mancata o errata compilazione del LUL e non anche per difetti del cedolino.

I dati del cedolino sono dati personali. Alcuni sono classificati come sensibili (iscrizione al sindacato) oppure che richiedono maggior cautela (pignoramenti o multe disciplinari). In questi casi il datore di lavoro deve adottare misure opportune a tutelare la riservatezza del dipendente ed eliminare dal documento tutte quelle voci particolari che invece potrebbero pregiudicarla (ad esempio la causa del pignoramento o la ragione del sussidio etc.). Nel caso di consegna cartacea, la cautela dovrà consistere nel ripiegare e spillare il cedolino, imbustarlo, coprire le parti più significative, introdurre una distanza di cortesia. Le Aziende dotate di un efficiente sistema informativo sono viste favorevolmente dall’Autorità Garante poiché riducono al minimo la possibilità di violazione dei dati.

Vi sono delle categorie cui non sussiste l’obbligo di consegna del cedolino al momento della corresponsione della retribuzione. Trattasi di Dirigenti, Amministrazioni delle Stato e relative Aziende autonome, aziende agricole che impiegano nell’annata agraria mano d’opera salariata per un numero di giornate lavorative non superiore a 3.000, personale addetto esclusivamente ai servizi familiari.

Il prospetto paga deve portare la firma, sigla o timbro del datore di lavoro o di chi ne fa le veci.

Tag:

Iscrizione alla newsletter

Iscriviti per non perdere le prossime novità