Via Santo Stefano 11, 40125 Bologna (BO) 051 9911011
TELEASSISTENZA Remote Connection info@studiofarina.it Lun. - Ven. 09:00 - 13:00 / 14:00 - 17:30 Mon. – Fri. 09:00 - 13:00 / 14:00 - 17:30

Trasferta a regime agevolato.

La Corte di Cassazione a sezioni unite ha finalmente sancito un principio di diritto molto importante per quanto riguarda le indennità di trasferta, superando il proprio orientamento precedente. Il lavoratore, che per contratto sia sottoposto a trasferta abituale, può godere di una imponibilità fiscale e contributiva pari al 50%, secondo il regime agevolato previsto dall’art.51 comma 6 del Tuir. Debbono sussistere però tre condizioni:

  • Mancata indicazione della sede di lavoro nel contratto di lavoro;
  • Attività lavorativa che richieda continua mobilità del dipendente;
  • Corresponsione di una indennità o maggiorazione in misura fissa, indipendentemente dal fatto che la trasferta abbia avuto luogo.

Il nuovo orientamento scaturisce dall’assunzione che la dicitura “anche se corrisposte con carattere di continuità”, contenuta nel sesto comma di cui sopra, abbia un valore concessivo. Ovvero, possono formare reddito nella misura del 50% del loro ammontare, ma mai al 100% pur se continuative.